Lo Stazzo Gallurese

Condividi

Lo Stazzo è un’abitazione tipica delle campagne della Gallura, benché il termine abitazione sia molto riduttivo; Circondato dalle Tanche (i terreni), recintati da un muro secco, lo stazzo era di fatto una struttura del tutto autosufficiente: ogni attività concorreva al sostentamento della famiglia, nulla era lasciato al caso. Il termine Stazzo deriva dal latino “Statio”, luogo di sosta, dimora, soggiorno, un luogo dunque dedicato alla famiglia. Quale forma di alloggio stabile in Gallura, lo Stazzo risale al 1500 circa, compare al termine del periodo feudale e al Feudo certamente si ispira nell’organizzazione del lavoro e nella gestione delle risorse.

Nell’Aprile del 1961 l’Aga Khan si innamorò dello Stazzo Focareddu, situato nelle campagne incontaminate tra i colli vicino a San Pantaleo, con una vista mozzafiato sul mare cristallino della Costa Smeralda e circondato da oltre 120 ettari di terreno a macchia mediterranea. Il 20 di Dicembre fu il primo acquisto di uno stazzo per la realizzazione di una villa in Costa Smeralda.

Nasce così, grazie anche ad architetti del calibro di Couelle, Vietti, Busiri Vici, Martin e Antonio Simon Mossa, un nuovo stile architettonico raffinato e caratterizzato dall’utilizzo di materiali “poveri” locali come il granito e il ginepro, sapientemente valorizzati nel totale rispetto della natura. In un contesto naturalistico protetto ed unico al mondo, gli stazzi galluresi sono concepiti per garantire l’armonia di questo angolo di paradiso chiamato Gallura.

Tags

Articoli correlati